La classificazione internazionale delle malattie (ICD-11) dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sarà aggiornata questo 2018 dopo 28 anni senza modifiche, e lo fa con grande novità, in quanto ha riconosciuto che il abuso con i videogiochi è un disturbo mentale, quindi questo comportamento diventa racchiuso all'interno di questo gruppo.

Puoi prendere in considerazione e diagnosticare a disturbo dei videogiochi quando il comportamento del soggetto è una dedizione continua o ricorrente al gioco, che provoca un deterioramento della famiglia, delle relazioni sociali, dell'educazione, del lavoro o in qualsiasi altra area, in un periodo di almeno un anno. Tuttavia, la definizione esatta con cui sarà inclusa nell'ICD-11 non è stata ancora rilasciata.

Le persone che abusano dei videogiochi possono avere seri problemi di salute, come obesità, disturbi cardiovascolari o isolamento

Ciò che è noto è che l'OMS ha collegato questo problema con tre condizioni negative per l'abuso di videogiochi, il primo dei quali non è in grado di controllare la frequenza, la durata, l'intensità o il completamento del gioco. In secondo luogo, questa attività ha una priorità nella persona superiore ad altri interessi vitali e, infine, che mantiene questo comportamento pur essendo consapevole delle conseguenze negative che provoca.

Non ci sono chiari sintomi comuni di abuso di videogiochi

Vladimir Poznyak, Dipartimento della salute mentale e abuso di sostanze dell'OMS, ha avvertito che i medici dovrebbero riconoscere questo disturbo perché, sebbene la maggior parte delle persone che usano i videogiochi non ha alcun disturbo psicologico, coloro che ne abusano possono avere seri problemi di salute, come obesità, problemi cardiovascolari o isolamento.

Tuttavia, ci sono anche specialisti che credono che includere l'abuso dei videogiochi nella malattia mentale non sia una buona idea, dal momento che, dicono, non ci sono sintomi chiari che può essere comune a tutte le persone colpite, il che può portare a un numero elevato di diagnosi errate e, quindi, a trattamenti non necessari, soprattutto nel caso di bambini e adolescenza.

Dipendenza da videogiochi : EFFETTI COLLATERALI (Settembre 2019).